Maternità e Paternità

Maternità obbligatoria, congedo di paternità, congedo parentale, per malattia del figlio

Maternità e lavoro; paternità e lavoro

Maternità e Paternità sono momenti nella vita di un essere umano considerati importanti dalla nostra legge, la quale cerca di tutelarli anche all'interno del mondo del lavoro.
Per evitare, infatti, che la decisione di mettere al mondo un bambino provochi discriminazioni o perdita del posto di lavoro, sono state create nel corso del tempo norme che cercano di proteggere sia le madri lavoratrici che i padri lavoratori. Queste norme, inoltre, danno indicazioni precise anche per la salvaguardia di sicurezza e salute delle lavoratrici in stato di gravidanza.

Maternità e lavoro. Alla base della legge sulla maternità c'è l'articolo 37 della Costituzione, il quale riconosce una "essenziale funzione familiare" per la donna lavoratrice, motivo per cui vengono garantiti a lei ed al bambino speciali protezioni.
Tra queste, la più importante è il congedo di maternità, cioè la possibilità di astenersi dal lavoro per un certo periodo di tempo.

Maternità obbligatoria. Il congedo di maternità è obbligatorio, ha inizio 2 mesi prima della data presunta del parto e termina 3 mesi dopo. Durante questo periodo, la lavoratrice ha diritto ad una indennità (un compenso) e non può essere licenziata.
E' possibile una maternità anticipata – quindi astenersi dal lavoro anche prima dei 2 mesi previsti dalla legge – ma questo solo in caso di maternità a rischio o se la donna presenta patologie che potrebbero aggravarsi con la gravidanza.

Maternità: contratto a tempo determinato. In base al Decreto Legge n°34 del 2014 – Jobs Act – chi lavora da più di 6 mesi a tempo determinato in un'impresa, ha diritto di precedenza se, entro un anno, quella stessa realtà decide di assumere personale a tempo indeterminato.
Il periodo di congedo obbligatorio della lavoratrice incinta viene conteggiato ai fini di questo diritto di precedenza.

Paternità e lavoro. In situazioni particolari può astenersi dal lavoro anche il padre, per tutta la durata del congedo di maternità oppure per la parte residua che spetterebbe alla donna.
Il congedo di paternità può esser chiesto in caso di morte o grave infermità della donna, oppure se il bambino viene abbandonato o affidato al padre. Tuttavia, si parla ora anche di paternità obbligatoria: la Riforma Fornero del 2012, infatti, ha previsto per gli anni 2013-2015 in via sperimentale la possibilità per il padre di usufruire di un giorno di astensione obbligatoria, indipendentemente da quei casi specifici. A questo giorno possono esserne aggiunti altri due, i quali, però, vengono sottratti al congedo della donna.

La tutela di maternità e paternità abbraccia molteplici argomenti. Di seguito elenchiamo i più importanti:


Vedi anche:

Maternità e Paternità: Elenco Avvocati e Studi Legali
Ferie
Il lavoratore ha diritto ad un periodo di riposo retribuito annuale. La sua durata è stabilita dai contratti collettivi nazionali a seconda del settore lavorativo.
Il lavoratore non può mettersi in ferie liberamente: è il datore di lavoro a stabilire quando può usufruirne, in base alle esigenze aziendali ed agli stessi interessi del dipendente.
Permessi per allattamento
Sono periodi di riposo giornaliero concessi alla neo-mamma lavoratrice per prendersi cura del neonato. I riposi di cui può usufruire dipendono dall’orario quotidiano previsto sul contratto: se supera le 6 ore, ha diritto a 2 riposi al giorno di un’ora ciascuno; se è inferiore, ha diritto ad un solo riposo.
Congedi formativi
Sono periodi di assenza da lavoro giustificati per motivi di studio che vanno oltre le 150 ore concesse dal diritto allo studio. Il lavoratore mantiene il posto, ma non viene pagato per i giorni di assenza. Sono disciplinati dai contratti collettivi nazionali, che ne indicano durata, lavoratori che possono usufruirne, ecc.
Contratto di apprendistato
È destinato a giovani fino ai 29 anni. Grazie ad esso un ragazzo può lavorare e contemporaneamente specializzarsi nel settore in cui è impiegato, seguendo specifici percorsi formativi.
Attualmente la sua durata minima è di 6 mesi, mentre il limite massimo dipende dalla qualifica che si vuole conseguire.
Orario di lavoro
L’orario di lavoro che può essere imposto al dipendente è indicato dai contratti collettivi nazionali, in base al settore lavorativo.
L’orario settimanale può essere: legale, cioè stabilito dalla legge (massimo 40 ore); contrattuale, cioè stabilito dal contratto collettivo (che può indicare un limite inferiore a quello legale).
Rendi visibile il tuo Studio Legale in Internet
e ricevi contatti mirati in base alle tue competenze

Area Professionisti:

Contatta la Redazione: 0547.28909
(da lunedì al venerdì - orario 9:00-13:30 / 14:15-17:45)