Processo del lavoro

Rito del lavoro: prima udienza, novità Riforma Fornero, tentativo di conciliazione

Il processo del lavoro: definizione e descrizione

Il processo del lavoro è per il nostro ordinamento un "rito speciale": nato dalla Legge n°533 del 1973 (tuttora in vigore), riguarda solo le controversie (i conflitti) che sorgono in ambito lavorativo o le questioni su previdenza ed assistenza obbligatoria. Si differenzia dal rito ordinario – da un processo comune – in quanto è generalmente più rapido ed il Giudice di Lavoro ha maggiori "poteri istruttori", cioè più libertà nell'ammettere nuove prove in qualunque momento.
Inoltre, il processo di lavoro si applica non solo ai rapporti di tipo subordinato, ma anche ad altri rapporti lavorativi, come le collaborazioni coordinate e continuative, i lavori a progetto, i contratti agrari.

Il rito del lavoro prende il via da un ricorso che la persona che ha deciso di agire legalmente per risolvere un conflitto – ad esempio il lavoratore che fa causa al datore di lavoro - deve depositare presso la Cancelleria del Giudice. Viene, poi, sviluppato attraverso due "gradi di giudizio", cioè due fasi: in un primo momento (primo grado) il caso viene portato in Tribunale, dove un Giudice di Lavoro, al termine del procedimento, emana una sentenza; se questa sentenza viene ritenuta ingiusta, può esser presentato ricorso alla Corte di Appello (secondo grado). Anche la decisione della Corte di Appello può essere contestata, rivolgendosi alla Corte di Cassazione dove, però, verrà solo valutata la legittimità dei due gradi precedenti.

Processo del lavoro: prima udienza. La prima udienza fissata dal Giudice di Tribunale - udienza di discussione - è uno dei momenti più importanti del processo del lavoro in quanto le parti entrano in contatto per la prima volta. Sia lavoratore che datore di lavoro, infatti, devono presentarsi di fronte al Giudice, il quale darà vita ad un libero interrogatorio e tenterà una conciliazione, cioè cercherà di far sì che prendano accordi tra loro per risolvere la situazione. Se questa conciliazione non riesce, si avanti con il processo.

Processo del lavoro: novità Riforma Fornero. La Riforma Fornero del 2012 ha portato novità nel processo di lavoro, dando vita ad un ulteriore rito specifico che riguarda esclusivamente l'impugnazione dei licenziamenti in alcune ipotesi regolate dall'Articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori. Questo rito speciale è ancor più rapido rispetto ai processi di lavoro in generale, in quanto i termini per ogni sua fase sono parecchio ristretti ed in Tribunale gli viene data priorità: alle cause per i licenziamenti, infatti, sono riservati particolari giorni nel calendario delle udienze.

Processo del lavoro: tentativo di conciliazione. La nostra legge ha previsto una via alternativa al processo per i conflitti sorti in ambito lavorativo: il "tentativo di conciliazione extragiudiziale". Si tratta di una procedura attraverso la quale vengono presi accordi per risolvere la questione al di fuori del Tribunale.
Oltre alla conciliazione, è possibile provare a risolvere il conflitto senza dover ricorrere ad un giudice anche attraverso l'arbitrato.

Il processo del lavoro è caratterizzato, quindi, da vari elementi che lo rendono differente da un normale processo avviato per conflitti che non riguardano l'ambiente lavorativo.
Di seguito elenchiamo ogni sua fase:

Processo del lavoro: Elenco Avvocati e Studi Legali
Ferie
Il lavoratore ha diritto ad un periodo di riposo retribuito annuale. La sua durata è stabilita dai contratti collettivi nazionali a seconda del settore lavorativo.
Il lavoratore non può mettersi in ferie liberamente: è il datore di lavoro a stabilire quando può usufruirne, in base alle esigenze aziendali ed agli stessi interessi del dipendente.
Contratto di apprendistato: retribuzione
L’apprendista può ricevere dal 60% di ciò che guadagna un lavoratore qualificato dello stesso livello fino al 100%. Sono i contratti collettivi nazionali a stabilire la retribuzione, che varia in base a tipo di contratto, livello di inquadramento, qualifica da conseguire.
Orario di lavoro
L’orario di lavoro che può essere imposto al dipendente è indicato dai contratti collettivi nazionali, in base al settore lavorativo.
L’orario settimanale può essere: legale, cioè stabilito dalla legge (massimo 40 ore); contrattuale, cioè stabilito dal contratto collettivo (che può indicare un limite inferiore a quello legale).
Congedo di paternità
Un uomo può astenersi da lavoro in caso di nascita del figlio grazie al congedo di paternità. Dura quanto quello di maternità (5 mesi) oppure solo una parte (quella non goduta dalla lavoratrice). Viene richiesto in particolari situazioni (per es. infermità o morte della madre del neonato, affidamento totale al padre, ecc.).
Lavoro intermittente o a chiamata
È un rapporto subordinato per il quale il lavoratore svolge attività in modo discontinuo, cioè solo quando viene chiamato a farlo dal datore. Per legge non può superare i 400 giorni in 3 anni. È riservato a lavoratori con più di 55 anni o che non hanno ancora compiuto i 24 anni.
Rendi visibile il tuo Studio Legale in Internet
e ricevi contatti mirati in base alle tue competenze

Area Professionisti:

Contatta la Redazione: 0547.28909
(da lunedì al venerdì - orario 9:00-13:30 / 14:15-17:45)