Contratto: nullità ed annullabilità

Contratto nullo e annullamento del contratto

Nullità del contratto

Un contratto è dichiarato nullo quando presenta gravi difetti o anomalie. In questi casi viene considerato come se non fosse mai stato stipulato, per cui non produce effetti e vengono annullati anche quelli che può aver prodotto fino a quel momento.

È del tutto nullo quando:

L'azione di nullità può essere richiesta da chiunque sia interessato a far considerare nullo quel contratto, oppure può essere decisa d'ufficio da un giudice. La richiesta può essere inoltrata in qualunque momento, anche dopo molto tempo dalla conclusione del contratto.

La nullità vale anche per eventuali terze persone, non solo per chi ha stipulato quel contratto: se ho comprato una casa da una persona che, a sua volta, l'aveva acquistata con un contratto invalido, la nullità di questo contratto può colpire anche me.
Non può, infine, essere convalidato, cioè non è possibile chiedere ad un giudice di considerarlo comunque valido.

La nullità, però, può anche essere parziale, quando sono solo alcune clausole a presentare gravi difetti. In questo caso, se ci si accerta che le persone coinvolte avrebbero comunque stipulato quel contratto anche senza quelle clausole e se possono essere sostituite con norme imperative di legge, la nullità non colpisce l'intero atto, che resta, quindi, valido.

Annullabilità del contratto

Un contratto è annullabile quando presenta difetti meno gravi rispetto a quelli che lo renderebbero nullo. Può comunque produrre effetti fino a quando non si ottiene con successo il suo annullamento.

Può essere annullato quando:

L'azione di annullabilità può essere richiesta solo dalla persona che per legge ha interesse ad ottenerla (o da un suo rappresentante), eredi vari dell'interessato oppure da chi è vittima dell'errore, della violenza o del dolo.
Questa azione può essere prescritta (quindi richiesta) entro 5 anni, che vengono conteggiati in modo diverso a seconda dei casi: ad esempio, per un minorenne vengono calcolati a partire dal giorno in cui raggiunge la maggiore età, mentre per l'errore o il dolo dal giorno in cui sono stati scoperti.
Inoltre, ha effetto solo per chi ha stipulato quel contratto, non per terze persone.

L'annullabilità può essere comunque convalidata, cioè è possibile fare in modo che quel contratto, nonostante vizi e difetti vari, venga ancora considerato valido. Ciò accade se la persona che potrebbe chiedere l'annullamento dichiara espressamente di voler invece considerare valido quel contratto oppure lo fa in modo "tacito", cioè inizia ad eseguirlo nonostante tutto.

Contratto: nullità ed annullabilità: Elenco Avvocati e Studi Legali
Contratto di compravendita
Anche detto di vendita, questo è il contratto più diffuso e utilizzato. Ha per oggetto la vendita di beni (mobili e immobili) e il passaggio di proprietà da una persona ad un’altra, dietro pagamento. La vendita può riguardare beni già esistenti o ancora da creare (es. casa).
Risoluzione del contratto
Riguarda i contratti a prestazioni corrispettive, ossia ciascuna parte dà all’altra qualcosa in cambio di qualcosa (es. compra-vendita). Il contratto si può risolvere se, dopo la stipula, sopraggiunge una circostanza che ne impedisce la realizzazione (manca la corrispettività).
Contratto di comodato
È un accordo tra due parti in forza del quale una (comodante) cede all’altra (comodatario) il diritto di uso (non la proprietà) di un certo bene (es. auto), cioè lo presta per un tempo prestabilito (es. 1 anno) oppure per un uso specifico (es. solo per andare al lavoro). Il comodato è gratuito.
Prestito finalizzato o rateale
È una forma di finanziamento che consente di acquistare un bene o servizio ed entrarne subito in possesso, o di goderne, pagandolo a rate. Viene erogato dalla banca o dal rivenditore stesso. È legato all’acquisto che si effettua: acquisto a rate di mobili, auto, ecc.
Finanziamento: Leasing, cos’è
È una locazione finanziaria. Voglio acquistare un bene (es. moto) ma non ho la somma. Chiedo un prestito a una società di leasing, che compra "per me", io entro subito in possesso del bene e pago un canone periodico alla società. Estinto il debito, il bene diventa di mia proprietà.
Rendi visibile il tuo Studio Legale in Internet
e ricevi contatti mirati in base alle tue competenze

Area Professionisti:

Contatta la Redazione: 0547.28909
(da lunedì al venerdì - orario 9:00-13:30 / 14:15-17:45)