Infortunistica Stradale

Infortunistica e Sinistro stradale: Il Risarcimento Danni per incidente stradale

Sinistro stradale, Infortunistica e risarcimento del danno

Infortunistica è un termine che viene usato per indicare un insieme di studi che si concentrano su prevenzione, cause e conseguenze degli "infortuni", cioè di quei danni fisici che una persona può subire per via di fatti illeciti (quindi di eventi negativi).
È una disciplina che abbraccia più settori: si occupa, infatti, di infortuni che si verificano sul luogo di lavoro, a scuola, episodi di malasanità e così via.

Il Sinistro Stradale – cioè l'incidente stradale – è un fatto illecito, un evento che può provocare danni più o meno gravi non solo alle cose, ma anche alle persone, fino ad arrivare a causarne addirittura la morte in alcuni casi. Si parla, allora, di "infortunistica stradale" quando si vuol fare riferimento allo studio di cause e conseguenze di eventi causati dalla circolazione su strada dei veicoli.

Risarcimento Danni per incidente stradale. Ogni persona vittima di un incidente stradale ha il diritto di chiedere un risarcimento per i danni che ha subito.
Questi danni possono essere sia "patrimoniali" (quindi eventuali perdite economiche provocate dal sinistro), sia "non patrimoniali" (danni biologici, morali, esistenziali).

Infortunistica Stradale Normativa. La normativa che disciplina il settore dei sinistri stradali ed in modo particolare la questione del risarcimento del danno è regolamentata dal nostro Codice Civile.
Importante è soprattutto l'articolo 2054, i cui quattro commi indicano quali sono i soggetti obbligati al risarcimento in caso di incidente stradale.
Secondo il Comma 1, il conducente del veicolo che provoca un sinistro è sempre obbligato a risarcire i danni alla vittima, a meno che non dimostri di aver fatto tutto il possibile per evitare quell'evento, cioè di aver assunto un comportamento corretto alla guida del mezzo.
Il Comma 2, invece, affronta il discorso degli scontri che possono avvenire tra veicoli. In questi casi la responsabilità dell'incidente viene divisa tra i due conducenti: si presume, infatti, che siano entrambi colpevoli di ciò che è accaduto, per cui devono entrambi provvedere al risarcimento dei danni. Se uno di loro ritiene di non aver colpa alcuna, deve dimostrare la sua innocenza.
Il Comma 3 si concentra sulla figura del proprietario di un veicolo nel caso in cui l'incidente venga provocato da un altro conducente. Se ad esempio Marco è proprietario dell'auto con la quale Luca ha scatenato un grave incidente, viene considerato anche lui responsabile nonostante non fosse alla guida del mezzo, per cui è obbligato anche lui al risarcimento dei danni. Il proprietario può liberarsi da questa responsabilità solo se dimostra non solo di non aver mai dato il permesso al conducente di guidare la sua auto, ma anche di aver adottato tutte le precauzioni necessarie per evitare che fosse utilizzata a sua insaputa.
Il Comma 4, infine, sottolinea come questi soggetti siano invece sempre considerati responsabili per i danni provocati da vizi (difetti) o mancanza di manutenzione del veicolo.

L'Avvocato che si occupa di Infortunistica Stradale segue il cliente quando, a seguito di un sinistro, si ha intenzione di ottenere un risarcimento adeguato alla gravità della situazione.
Il risarcimento, infatti, viene richiesto alla Compagnia Assicurativa, la quale valuta il caso (compresa la certificazione che è obbligata a fornire la vittima) e decide, poi, di liquidare una certa somma come forma di risarcimento. L'assistenza di un avvocato esperto in materia può essere estremamente importante in questa fase: se per esempio la compagnia offre al danneggiato una somma troppo bassa rispetto all'entità dei danni che ha subito, dietro consiglio del suo legale può decidere di rifiutarla ed eventualmente dar vita ad una causa legale per far valere i suoi diritti.

Vedi anche le informazioni relative all'RC Auto (Responsabilità Civile Auto).

Infortunistica Stradale: Elenco Avvocati e Studi Legali
Responsabilità civile
È quella che assumiamo quando violiamo la legge oppure commettiamo un’azione che provoca un danno. In questi casi per legge dobbiamo risarcire la vittima. Ha forme diverse a seconda delle situazioni: per es. se l’azione dannosa è commessa da mio figlio minore, ne sono io responsabile (responsabilità "indiretta").
Responsabilità Professionale
Quando un professionista (avvocato, commercialista, medico, ecc.) provoca un danno al cliente, assume la "responsabilità civile del professionista", per via della quale deve obbligatoriamente risarcirlo. La vittima deve, però, chiedere il risarcimento entro 10 anni, altrimenti perde questo diritto.
Danno Esistenziale: cos’è
Si intende la sostanziale modifica in senso peggiorativo della qualità della vita (intesa nelle sue dimensioni di abitudini, benessere, autorealizzazione e soddisfazione personali) a seguito di un evento dannoso, ad esempio un incidente o un intervento.
Colpa medica: Imprudenza
Consiste in una condotta professionale pericolosa. È imprudente il medico che valuta erroneamente un caso o non assume particolari cautele. Si verifica una sorta di sopravvalutazione delle proprie capacità professionali e/o una sottovalutazione del caso.
Danno Fisico: invalidità
È la perdita o comunque la sensibile riduzione, in modo permanente, della funzionalità fisica e della capacità lavorativa. È quindi una menomazione fisica che può essere anatomica (es. la paralisi di un arto) o sensoriale (es. la perdita dell’udito) a causa di un infortunio o un incidente.
Rendi visibile il tuo Studio Legale in Internet
e ricevi contatti mirati in base alle tue competenze

Area Professionisti:

Contatta la Redazione: 0547.28909
(da lunedì al venerdì - orario 9:00-13:30 / 14:15-17:45)