Risarcimento dei Danni

Il Risarcimento: Responsabilità civile, Infortunistica e Assicurazioni, tipi di danno

Il Risarcimento del Danno

Il Risarcimento del Danno è previsto dal nostro Codice Civile.
Secondo l'articolo 2043, chiunque provochi un danno ingiusto ad un'altra persona con un fatto doloso o colposo – cioè intenzionalmente oppure a causa di distrazione, imprudenza, ecc. - è obbligato al risarcimento, quindi a consegnarle una somma di denaro in quanto responsabile del fatto.

Responsabilità Civile

La Responsabilità Civile è una forma di responsabilità che assume il colpevole dell'azione che ha dato vita al danno. Se la persona colpevole è responsabile dell'evento dannoso, permette alla vittima di richiedere ed ottenere il risarcimento per le lesioni che ha subito.

Infortunistica e Assicurazioni

Infortunistica e assicurazioni sono due argomenti strettamente collegati alla questione dei danni provocati o subiti da una persona e all’eventuale richiesta di risarcimento.
Nello specifico, l’infortunistica rappresenta lo studio condotto in questo settore al fine di individuare metodi di prevenzione, cause e conseguenze dei danni; l’assicurazione, invece, è tecnicamente un contratto attraverso il quale la responsabilità di un danno passa da chi l’ha provocato ad un altro soggetto in cambio del pagamento di un premio.

Tipi di Danno

Il danno per il quale è possibile richiedere un risarcimento può avere una natura differente a seconda dei casi. Oltre a quello che colpisce la salute di una persona e ne minaccia l’integrità fisica (danno biologico), il nostro ordinamento prevede anche un danno morale (collegato alle sofferenze psicologiche) e un danno esistenziale, che comporta un cambiamento radicale nella sua vita.
Di seguito analizziamo dettagliatamente ciascuna di queste tipologie di danno.

Risarcimento dei Danni: Elenco Avvocati e Studi Legali
Danno biologico: come si calcola
Il calcolo del risarcimento per danno biologico si basa su apposite tabelle, sulle quali vengono riportate una serie di cifre differenziate a seconda dell’età della persona danneggiata e del punteggio di invalidità deciso dal medico legale.
Danno Fisico: invalidità
È la perdita o comunque la sensibile riduzione, in modo permanente, della funzionalità fisica e della capacità lavorativa. È quindi una menomazione fisica che può essere anatomica (es. la paralisi di un arto) o sensoriale (es. la perdita dell’udito) a causa di un infortunio o un incidente.
Colpa medica: Negligenza
Si intende un agire del medico trascurato, poco attento o un’omissione. Ad es. è negligente il chirurgo che dimentica le garze nell’addome del paziente o che non lo informa sugli effetti di un farmaco in interazione con altri farmaci che lo stesso sta assumendo.
Colpa medica: Imprudenza
Consiste in una condotta professionale pericolosa. È imprudente il medico che valuta erroneamente un caso o non assume particolari cautele. Si verifica una sorta di sopravvalutazione delle proprie capacità professionali e/o una sottovalutazione del caso.
Infortuni domestici: assicurazione
Conosciuta anche come “assicurazione per le casalinghe”, riguarda in realtà tutti coloro che si occupano della propria abitazione a tempo pieno. È una polizza assicurativa obbligatoria, destinata a chi ha un’età compresa tra 18 e 65 anni e svolge gratuitamente e unicamente questa attività.
Rendi visibile il tuo Studio Legale in Internet
e ricevi contatti mirati in base alle tue competenze

Area Professionisti:

Contatta la Redazione: 0547.28909
(da lunedì al venerdì - orario 9:00-13:30 / 14:15-17:45)