Discriminazione sul lavoro

Discriminazione sul lavoro: donne, Codice Pari Opportunità, parità di genere, azioni positive

Discriminazione sul lavoro e pari opportunità

La discriminazione sul lavoro è un fenomeno purtroppo ancora diffuso anche in Italia. Consiste in una serie di comportamenti, decisioni, azioni perlopiù negative che vengono attuate contro un lavoratore, trattato in modo differente e per nulla vantaggioso rispetto ai suoi colleghi per vari motivi.
La discriminazione sul luogo di lavoro, infatti, può dipendere da questioni legate all'età del lavoratore (discriminazione per età), origine geografica o etnica (discriminazioni razziali), handicap (discriminazioni per malattia), orientamento sessuale, fede religiosa e così via.

Discriminazione sul lavoro delle donne. Anche le donne subiscono tuttora atteggiamenti discriminatori nel mondo del lavoro, motivo per il quale la nostra legge ha dato vita nel corso del tempo ad una serie di norme in difesa della "parità di genere", cioè di quel principio in base al quale uomini e donne devono essere trattati nello stesso modo.

Cosa sono le pari opportunità. Normalmente si parla di "Pari Opportunità" per indicare tutte le iniziative attuate in un paese per eliminare il problema della discriminazione sul lavoro subita dalle donne.
Questo concetto col tempo è stato per così dire ampliato, per cui attualmente viene utilizzato anche per indicare quelle leggi, azioni o decisioni politiche nate per garantire a tutti i cittadini di uno Stato parità di trattamento in ogni settore.

Pari opportunità: storia. Il concetto di Pari Opportunità tra uomo e donna affonda le sue radici nella Costituzione della Repubblica Italiana: secondo l'articolo 37, infatti, alla donna lavoratrice spettano gli stessi diritti e, a parità di lavoro, lo stesso tipo di retribuzione dei colleghi uomini.
Da qui sono nate poi varie norme, come la Legge n° 903 del 1977 "Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro" e soprattutto il "Codice delle pari opportunità tra uomo e donna" del 2006, modificato nel 2010 per meglio adattarsi a direttive della Comunità Europea su questo argomento.

Codice pari opportunità (d.lgs. 198/2006). Con il Codice delle pari opportunità sono state introdotte nel nostro ordinamento particolari misure per garantire uguale trattamento tra i due sessi, come divieti di discriminazione relativi anche alla modalità di accesso nel mondo del lavoro, la retribuzione, l'arruolamento nelle forze armate, ecc.

Discriminazione sul lavoro: come difendersi. Il nostro ordinamento cerca, quindi, di contrastare i fenomeni di discriminazione nel mondo del lavoro attraverso una serie di divieti, nonché promuovendo le pari opportunità in questo settore tramite apposite misure chiamate "azioni positive". Offre, inoltre, ai lavoratori la possibilità di difendersi da comportamenti discriminatori attraverso azioni legali che è possibile attuare in caso di violazioni.
Di seguito vediamo in modo dettagliato di cosa si tratta:

Discriminazione sul lavoro: Elenco Avvocati e Studi Legali
Ferie
Il lavoratore ha diritto ad un periodo di riposo retribuito annuale. La sua durata è stabilita dai contratti collettivi nazionali a seconda del settore lavorativo.
Il lavoratore non può mettersi in ferie liberamente: è il datore di lavoro a stabilire quando può usufruirne, in base alle esigenze aziendali ed agli stessi interessi del dipendente.
Retribuzione
Il lavoratore ha il diritto di essere pagato per l’attività. La legge prevede varie forme di retribuzione, divise in "ordinarie" (a tempo; a cottimo) e "speciali" (in natura; provvigioni; partecipazione agli utili; differita). La somma minima è stabilita dai contratti collettivi in base ai vari settori lavorativi.
Permessi studio giornalieri retribuiti
Sono permessi speciali di astensione da lavoro che possono essere richiesti dagli studenti lavoratori in caso di esami o esoneri. Per evitare abusi, lo studente lavoratore è tenuto a fornire all’azienda un certificato che attesti la sua partecipazione all’esame.
Contratto di apprendistato: retribuzione
L’apprendista può ricevere dal 60% di ciò che guadagna un lavoratore qualificato dello stesso livello fino al 100%. Sono i contratti collettivi nazionali a stabilire la retribuzione, che varia in base a tipo di contratto, livello di inquadramento, qualifica da conseguire.
Congedo per malattia del figlio
Possono usufruirne entrambi i genitori lavoratori, ma non contemporaneamente. La sua durata dipende dall’età del bambino che si è ammalato: se ha meno di 3 anni, ogni genitore può astenersi da lavoro fino a quando non sarà guarito; se ha tra 4 e 8 anni, massimo 5 giorni all’anno.
Rendi visibile il tuo Studio Legale in Internet
e ricevi contatti mirati in base alle tue competenze

Area Professionisti:

Contatta la Redazione: 0547.28909
tutte le mattine, dal lunedì al venerdì: 9:00-13:30