Discriminazione sul lavoro

Discriminazione sul lavoro: donne, Codice Pari Opportunità, parità di genere, azioni positive

Discriminazione sul lavoro e pari opportunità

La discriminazione sul lavoro è un fenomeno purtroppo ancora diffuso anche in Italia. Consiste in una serie di comportamenti, decisioni, azioni perlopiù negative che vengono attuate contro un lavoratore, trattato in modo differente e per nulla vantaggioso rispetto ai suoi colleghi per vari motivi.
La discriminazione sul luogo di lavoro, infatti, può dipendere da questioni legate all'età del lavoratore (discriminazione per età), origine geografica o etnica (discriminazioni razziali), handicap (discriminazioni per malattia), orientamento sessuale, fede religiosa e così via.

Discriminazione sul lavoro delle donne. Anche le donne subiscono tuttora atteggiamenti discriminatori nel mondo del lavoro, motivo per il quale la nostra legge ha dato vita nel corso del tempo ad una serie di norme in difesa della "parità di genere", cioè di quel principio in base al quale uomini e donne devono essere trattati nello stesso modo.

Cosa sono le pari opportunità. Normalmente si parla di "Pari Opportunità" per indicare tutte le iniziative attuate in un paese per eliminare il problema della discriminazione sul lavoro subita dalle donne.
Questo concetto col tempo è stato per così dire ampliato, per cui attualmente viene utilizzato anche per indicare quelle leggi, azioni o decisioni politiche nate per garantire a tutti i cittadini di uno Stato parità di trattamento in ogni settore.

Pari opportunità: storia. Il concetto di Pari Opportunità tra uomo e donna affonda le sue radici nella Costituzione della Repubblica Italiana: secondo l'articolo 37, infatti, alla donna lavoratrice spettano gli stessi diritti e, a parità di lavoro, lo stesso tipo di retribuzione dei colleghi uomini.
Da qui sono nate poi varie norme, come la Legge n° 903 del 1977 "Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro" e soprattutto il "Codice delle pari opportunità tra uomo e donna" del 2006, modificato nel 2010 per meglio adattarsi a direttive della Comunità Europea su questo argomento.

Codice pari opportunità (d.lgs. 198/2006). Con il Codice delle pari opportunità sono state introdotte nel nostro ordinamento particolari misure per garantire uguale trattamento tra i due sessi, come divieti di discriminazione relativi anche alla modalità di accesso nel mondo del lavoro, la retribuzione, l'arruolamento nelle forze armate, ecc.

Discriminazione sul lavoro: come difendersi. Il nostro ordinamento cerca, quindi, di contrastare i fenomeni di discriminazione nel mondo del lavoro attraverso una serie di divieti, nonché promuovendo le pari opportunità in questo settore tramite apposite misure chiamate "azioni positive". Offre, inoltre, ai lavoratori la possibilità di difendersi da comportamenti discriminatori attraverso azioni legali che è possibile attuare in caso di violazioni.
Di seguito vediamo in modo dettagliato di cosa si tratta:

Discriminazione sul lavoro: Elenco Avvocati e Studi Legali
Festività
Sono giorni in cui il lavoratore può astenersi dall’attività percependo comunque la normale retribuzione giornaliera. Coincidono con ricorrenze nazionali e religiose (per es. Natale) e in Italia sono in tutto 12. A questi si aggiunge di solito il giorno in cui si festeggia il Santo Patrono, ma solo per chi lavora in quel Comune.
Orario di lavoro
L’orario di lavoro che può essere imposto al dipendente è indicato dai contratti collettivi nazionali, in base al settore lavorativo.
L’orario settimanale può essere: legale, cioè stabilito dalla legge (massimo 40 ore); contrattuale, cioè stabilito dal contratto collettivo (che può indicare un limite inferiore a quello legale).
Diritto allo studio
Grazie a questo diritto un lavoratore può usufruire di un totale di 150 ore di permesso straordinario retribuito per continuare a formarsi. Questo periodo è suddiviso in 50 ore annuali per 3 anni, di cui si può usufruire se orario di lavoro e quello di frequenza del corso coincidono.
Lavoro intermittente o a chiamata
È un rapporto subordinato per il quale il lavoratore svolge attività in modo discontinuo, cioè solo quando viene chiamato a farlo dal datore. Per legge non può superare i 400 giorni in 3 anni. È riservato a lavoratori con più di 55 anni o che non hanno ancora compiuto i 24 anni.
Congedo di maternità
Permette ad una donna di astenersi da lavoro in caso di gravidanza. È un congedo obbligatorio: per legge, infatti, la donna non può lavorare in prossimità del parto. Dura in totale 5 mesi: 2 precedenti il parto, 3 successivi. La donna può anche scegliere di astenersi da lavoro 1 mese prima della nascita e 4 dopo.
Rendi visibile il tuo Studio Legale in Internet
e ricevi contatti mirati in base alle tue competenze

Area Professionisti:

Contatta la Redazione: 0547.28909
(da lunedì al venerdì - orario 9:00-13:30 / 14:15-17:45)